La Legge anti-Amazon

Moderatori: -*jeje*-, dreamss

La Legge anti-Amazon

Messaggiodi cailyn il 1 agosto 2011, 9:14

Libri, il caso della legge anti AmazonL'istituto Leoni raccoglie mille firme contro la legge che fissa un tetto agli sconti sui libri. Amazon prosegue con gli sconti fino a settembre.
Mille firme contro la legge, la riscossa di Amazon che almeno fino a settembre prosegue con gli sconti, un editore che si è dimesso dall'Aie. È una legge che provoca reazioni notevoli quella approvata lo scorso 20 luglio dal Senato e che mette un tetto alla possibilità di proporre sconti sui libri.

La cosiddetta "legge Levi", dal nome del promotore, l'onorevole Riccardo Levi, prevede che i librai non possano applicare sconti superiori al 15% del prezzo copertina. Il tetto può salire al 20% in casi particolari, come in occasione di offerte all'interno di un salone del libro, o destinate a scuole, istituzioni, associazioni no profit. E si può arrivare al 25% per le campagne promozionali organizzate direttamente dagli editori: ma per un massimo di un mese, e non in dicembre.
Gli editori hanno reagisto nel complesso in modo favorevole. Il presidente dell'Aie, Associazione italiana editori, Marco Polillo, ha espresso «grande soddisfazione» per una legge che regolamenta una situazione «senza controllo». Ma all'interno della stessa associazione, che ha sostenuto l'iniziativa legislativa nel suo percorso durato due anni, c'è stato anche un dissenso illustre: Mario Guaraldi si è dimesso, in aperta polemica con la posizione espressa da Polillo nei confronti di una legge che secondo lui è «antiliberista e fuori dal mercato».
Il fronte contrario alla legge si è riunito intorno a una petizione, promossa dall'Istituto Bruno Leoni e dall'editore Liberilibri, che nel giro di una settimana ha raccolto mille firme che oggi vengono consegnate al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, con la richiesta di non firmare la legge, che viene fra le altre cose definita in contrasto con l'articolo 41 della Costituzione, che potegge l'iniziativa privata.
E poi ci sono le risposte dei distributori. Il provvedimento è stata ribattezzato anche con il nome di legge "anti Amazon" perchè colpisce in particolare le librerie online (fra gli obiettivi c'è quello invece di difendere i piccoli librai). E poprio il colosso delle librerie online ha risposto oggi: Martin Angioni, country manager per l'Italia, è volato a Milano (dal suo ufficio di Parigi) per annunciare le contromosse. Amazon non intende rinunciare ai progetti per l'Italia a partire dall'apertura di un centro di distribuzione. E proseguirà con gli sconti fino al primo settembre, giorno in cui entra in vigore la legge.
Nei giorni scorsi un altra nota catena online, Ibs, ha annnunciato dei supersconti del 75% per tutta l'estate, in vista della scadenza di settembre.
E oggi si registra anche un intervento, sul sito dell'Istituto Bruno Leoni, dello stesso Riccardo Levi. Il parlamentare fra le altre cose sottolinea che la legge vuole porre fine «alla permanente guerra sui prezzi» promossa attraverso gli sconti, che provocano una spinta al rialzo dei prezzi di copertina. Spiega che agli editori non è preclusa «la piena libertà di farsi una vera ed aperta concorrenza sui prezzi operando non attraverso lo strumento degli sconti ma agendo sui prezzi di copertina.
Barbara Weisz
http://www.manageronline.it/articoli/ve ... ti-amazon/

Che ne pensate?
A me non sembra giusta come legge! e soprattutto spinge allo scaricamento illegale di libri! :smt132
Avatar utente
cailyn
Ametista
Ametista
 
Messaggi: 12143
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 10:03
Località: Bergamo

Re: La Legge anti-Amazon

Messaggiodi dad476 il 1 agosto 2011, 11:35

ma in base a cosa una legge simile?
dad, unico uomo che sopravvive quí dentro.

a parte pianista....
Avatar utente
dad476
Opale
Opale
 
Messaggi: 5716
Iscritto il: 22 febbraio 2005, 0:40
Località: *CBG*

Re: La Legge anti-Amazon

Messaggiodi cailyn il 1 agosto 2011, 12:51

dad476 ha scritto:ma in base a cosa una legge simile?


Io penso che i librai che hanno un negozio tradizionale, e chi vende e non riesce a fare forti sconti siano svantaggiati da siti come Amazon e Ibs...quindi avranno rotto i cosiddetti per tutelarsi.
Secondo me non e' giusto.
Primo perche' esiste il libero mercato, e se un vestito puo' essere venduto con il 90% di sconto, perche' un libro no?
Secondo se un libro e' in giro da diversi anni e magari sta per uscire la versione nuova, perche' quelli vecchi non posso essere svenduti?
Ormai il presente e' internet, ora va tanto comprare libri online, appunto perche' molto scontati e per me che abito lontana da un negozio normale anche comodo.
Io sicuramente non comprero' piu' libri da leggere, avendo il Kindle, ma i miei libri di cucina rimarranno senza fratellini, oppure li cerchero' in altri modi! :smt132
Avatar utente
cailyn
Ametista
Ametista
 
Messaggi: 12143
Iscritto il: 23 febbraio 2006, 10:03
Località: Bergamo

Re: La Legge anti-Amazon

Messaggiodi Fujko il 4 agosto 2011, 19:11

Purtroppo bisogna rendersi conto che il mondo e i mercati cambiano. Internet è sicuramente il futuro, impensabile pensare di cercare di frenare l'ascesa degli acquisti on-line. Questa legge si ritorcerà contro a chi la caldeggia!
Avatar utente
Fujko
Corallo
Corallo
 
Messaggi: 9080
Iscritto il: 21 gennaio 2005, 21:13
Località: Milano


Torna a Musica, Libri, Riviste, Tv e Cinema

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 4 ospiti

cron